Il corso illustrerà alcuni concetti dell'Analisi della Conversazione che possono servire a chiarire l'idea del parlato come interazione tra i partecipanti e ad evidenziare i diversi livelli di funzionamento dello scambio dialogico (livello di relazione interpersonale; livello di gestione dell'alternanza dei turni di parola; livello di coerenza sintattica, semantica e pragmatica del dialogo). Un ruolo importante assumerà anche la dimensione dell'apprendere ad apprendere e dello sviluppo della capacità di formazione autonoma a partire dalla riflessione sulla propria produzione verbale e su quella dei compagni, nonché su materiale audio-visivo autentico.

Da un punto di vista metodologico, si alterneranno testi monologici con testi dialogici e si integreranno due strategie didattiche: l'osservazione e decostruzione del discorso e dell'interazione al fine di coglierne le componenti transazionali (volte allo scambio di informazioni) e le componenti interazionali (volte alla creazione di relazioni); e, in misura maggiore, la costruzione attiva di tali componenti tramite la partecipazione diretta degli studenti alle esercitazioni pratiche (come la memorizzazione e riformulazione senza presa di appunti, la simulazione di situazioni lavorative autentiche, la traduzione a vista) su diversi argomenti (turismo, alimentazione, lavoro, amministrazione pubblica, etc.). 

Ogni argomento affrontato nelle simulazioni, che generalmente si svolgeranno nella seconda delle due lezioni settimanali, sarà preceduto da un lavoro terminologico che permetterà agli studenti di acquisire lessico specifico e affinare i propri strumenti di ricerca. Particolare rilevanza sarà attribuita alla partecipazione attiva degli studenti chiamati di volta in volta a fungere da interpreti, nonché alla loro riflessione sulla prestazione svolta (sia tramite momenti di confronto in classe che tramite brevi diari da compilare a casa).